Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Italia della Serenissima. Mostra fotografica: il Veneto

Data:

22/04/2020


Italia della Serenissima. Mostra fotografica: il Veneto

L'evento è posticipato in osservanza al decreto del sindaco di Mosca del 16 marzo 2020 N° 21-UM.

Qualcuno è nauseato dalla sensazione di appassimento e putrefazione. Qualcuno vede solo teatralità e si convince che qui tutto è finzione.

Ma, lontano della folla di turisti, che si affrettano per vedere tutto in poche ore, moltiplicando nelle foto immagini già fermate milioni di volte – gondole, ponti, piccioni, vetri colorati, maschere e costumi – lontano dai turisti, Lei vive la sua vita di distante vanità tra la pace dello sciabordio dell’acqua, replicando sé stessa nei riflessi di mille canali gemelli. Ricordate le parole di Brodskij?

“Se finisco fuori strada,

è perché qui succede continuamente,

con tante strade fatte d’acqua…

… il fluire di un’acqua limacciosa.

A volte appare azzurra,

a volte grigia o bruna;

invariabilmente è fredda e non potabile.

Il motivo per cui mi ingegno a filtrarla

è che contiene tanti riflessi,

tra i quali il mio”.

L’autrice, Polina Shestakova, ha trascorso molto tempo in Italia e ce la può raccontare in modo diverso. È un’Italia meno conosciuta, disincantata e più autentica, dove la vita quotidiana di persone comuni ci rende partecipi di ritmi e bellezze che sfuggono al turista frettoloso, facendoci inevitabilmente immergere nel fascino italiano. Dopo l’esperienza lavorativa in area finanziaria a Mosca, Polina Shestakova si trasferisce a Milano per studiare fotografia e si iscrive alla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano. Partecipa a mostre collettive e concorsi fotografici internazionali. Oggi libri e riviste in tutto il mondo pubblicano le sue foto.

La mostra sara’ ingagurata il 22 aprile alle ore 18.00

Informazioni

Data: Da Mer 22 Apr 2020 a Lun 18 Mag 2020

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura

1877