Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

“Arrigo Boito 1842-1918”

Boito Arrigo

La mostra ripercorre tutti i momenti salienti della vita di Arrigo Boito (Padova, 1842 – Milano, 1918), dalle sue origini ai suoi successi in veste di compositore e librettista, oltre agli incontri dai quali sono scaturite grandi amicizie e vivaci rapporti professionali, tra cui Eleonora Duse e Giuseppe Verdi.
L’esposizione consiste in quindici pannelli: i primi due dedicati alla biografia di Arrigo Boito e a seguire ognuno sviluppa un tema specifico attraverso riproduzioni di fotografie d’epoca, documenti manoscritti, libretti d’opera e riviste, oltre a bozzetti e figurini per illustrare scene e costumi realizzati per le rappresentazioni di Amleto, Mefistofele, La Gioconda, Otello, Falstaff ed Ero e Leandro. Tutto il percorso espositivo è punteggiato dalla proficua collaborazione con Giuseppe Verdi, dall’Inno delle Nazioni che compare nel pannello dedicato agli anni giovanili ai più maturi libretti di Otello e Falstaff cui è dedicato un pannello ciascuno.
La mostra è stata curata dall’Istituto per il Teatro e il Melodramma della Fondazione Giorgio Cini in collaborazione con il Comitato Nazionale per le celebrazioni del centenario della scomparsa di Arrigo Boito ed è stato concepito con l’intenzione di presentare al grande pubblico la vita e l’opera dell’illustre letterato Arrigo Boito.

La mostra sarà accessibile al pubblico dal 20 gennaio.