Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

L’intelligenza di Venere

бравура 1

Mostra di Dusciana Bravura

Dusciana ha iniziato il suo percorso artistico a fianco del padre Marco Bravura (nato nel 1949), mosaicista monumentalista noto per i suoi progetti in Italia e in Russia. Il lavoro di Dusciana è caratterizzato da un gusto raffinato, dalla scelta accurata dei materiali, dall’audacia delle soluzioni coloristiche e dall’attenzione ai dettagli. Non senza una sottile ironia, elemento che colloca i progetti dell’artista nell’ambito di un’arte al passo con i tempi, attenta alle tendenze contemporanee.

Uno dei generi dominanti per Dusciana Bravura è il ritratto. Tra i mosaicisti, il genere del ritratto è piuttosto raro nell’arte contemporanea. Dagli anni 2000 Bravura utilizza diverse tecniche per creare ritratti e autoritratti, combinando la fotografia, la stampa su vetro e metallo con frammenti realizzati in vetro di Murano e con la tecnica del mosaico di smalto.

Il progetto “L’intelligenza di Venere” è una galleria di ritratti di importanti donne del XX secolo le cui conquiste non sono state adeguatamente riconosciute. Bravura propone il proprio punto di vista sulla storia del XX e XXI secolo e cerca di fare giustizia, restituendo alla storia della scienza e della cultura nomi dimenticati. Il titolo della mostra si riferisce alla dea della bellezza che, oltre all’avvenenza esteriore, possedeva altre qualità essenziali: l’intuizione e il potere creativo. È a queste caratteristiche della donna che l’artista rivolge la sua attenzione, che si concentra su settori dell’attività umana come l’arte (Maria Yakunchikova), la scienza (Lina Stern) e lo sport (Alfonsina Morini Strada), e in ognuno di essi si trova una storia di ingiustizia o plagio. L’immagine artistica di ognuna di queste eroine è resa secondo una tecnica particolare, che combina ritratto fotografico tradizionale e decorazione: i ritratti sono stampati su tessuto. Questa sovrapposizione del disegno sulla figura umana sembra disperdere l’attenzione dello spettatore, invitandolo a passare dalla contemplazione dei tratti del ritratto del personaggio alla riflessione sul suo destino.