Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Michail Osorgin “Scritti sull’Italia contemporanea”: 110 anni dalla pubblicazione

Osorgin

Presentazione presso l’Istituto Italiano di Cultura di Mosca

20 dicembre 2023, inizio alle 18.30

Michail Andreevič Osorgin (Ilyin) (1878-1942) – scrittore, giornalista, figura di spicco dell’emigrazione russa. Nato nel 1878 a Perm’, studiò legge e si laureò alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Mosca. Partecipò alla rivolta armata di Mosca del 1905, fu arrestato e rilasciato nel 1906, andò all’estero, visse in Francia e in Italia. Dal 1907 al 1916 tenne un diario, dove registrò le sue impressioni italiane, e lavorò anche come giornalista nelle pubblicazioni “Vestnik Evropy” e “Russkie Vedomosti”. Parte della sua corrispondenza è stata inclusa nel libro Scritti sull’Italia contemporanea, pubblicato nel 1913.

Gli Scritti sono permeati dell’amore di Osorgin per il Paese in cui visse “i migliori anni della sua giovinezza”, come diceva lui stesso. Il libro tratta in dettaglio molti problemi dell’Italia del primo Novecento, questioni sociali, politiche ed economiche (medicina, istruzione, disoccupazione, vita dei contadini e degli abitanti delle città, la camorra italiana); una parte significativa è dedicata a Roma, nonché a questioni di letteratura e arte italiana.

Relatori:

Valerij Petrovič Ljubin, storico, ricercatore capo del Dipartimento di Storia dell’INION dell’Accademia russa delle Scienze, terrà una conferenza dal titolo “Non basta vedere l’Italia, bisogna conoscerla…”. Osorgin e i suoi Scritti sull’Italia contemporanea.

Anna Vladislavovna Jampol’skaja, italianista e traduttrice, responsabile del Seminario di Italiano presso ‘’Istituto di Letteratura Gorkij, presenterà una ristampa commentata degli Scritti nella collana Roma Aeterna del Gruppo Editoriale 1900.

Partecipazione su prenotazione a questo link.